Project Description

Franco Gentilini

Faenza (Ravenna), 1909 – Roma, 1981

Biografia

_____

Apprendista intagliatore e ceramista, nel 1925 si reca a Bologna per incontrare Giovanni Romagnoli, titolare della cattedra di Pittura all’Accademia di Belle Arti della citta, che lo incoraggia a dipingere. Nel 1930 espone gia alla XVII Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, dove sarà presente anche nel 1936, 1938, 1940, 1942 , 1948, 1950, 1952, 1958 (sala personale), 1966 (sala personale ) e nel 1968.

Nel 1932 si trasferisce a Roma, dove frequenta il caffè Aragno, incontrandovi personaggi come Ungaretti, Cardarelli, Bruno Barilli, Cecchi, Sinisgalli, Cagli, De Libero. Nel 1933, presso La Galleria (Roma) tiene la sua prima mostra personale. E fortemente influenzato dalla Scuola Romana: dall’espressionismo barocco di Scipione e Mafai alla linea più rigorosa di Cagli e Capogrossi. Negli anni ‘40, affianca all’attività pittorica una intensa produzione grafica, con collaborazioni a molte riviste, come “Primato” e “Documento”, ed entra in contatto con il collezionista e mercante d’arte Carlo Cardazzo, che sarà tra i suoi principali promotori anche all’estero.

Vari soggiorni parigini lo aiutano a maturare uno stile in cui trovano spazio anche le nuove correnti internazionali del cubismo, del surrealismo e delle ricerche materiche: durante uno di essi visita lo studio di Jean Dubuffet, che una grande influenza avrà sulla fase più tarda del suo lavoro. Negli anni la pittura di Gentilini si fa scabra, il colore viene miscelato con la colla e la sabbia, la realtà sfuma in immagini surreali, ma al tempo stesso di sapore antico e classicheggiante, tra gioco e ironia. Negli anni ’50 Gentilini riceve premi e riconoscimenti pubblici, e tiene una personale a Parigi, alla Galerie Rive Gauche. Collabora con la rivista “Civiltà delle Macchine”, diretta da Leonardo Sinisgalli. Negli anni Sessanta si tiene una sua mostra itinerante negli Stati Uniti. Nel 1965 vince il Premio Roma. Nel 1977 a Bruxelles viene eletto Socio dell’Accademia Reale delle Scienze Lettere e Belle Arti del Belgio.